mercoledì 16 dicembre 2009

United States Note e Federal Reserve Note

Cieco per non notarlo, poco furbo per non rileggere 2 volte le didascalie delle immagini che trova, troppo ignorante e approssimativo per rinunciare di farci un articolo: è tale Pietro Di Giorgio.

Ripreso da "http://www.giornalettismo.com/archives/44489/le-favole-del-signoraggio-su-il-giornale"


Fatevi due risate. Tale Pietro Di Giorgio scrive (formattazione mia):
"Della serie “non so se questi del signoraggio ci credono o fanno finta per ingannare la gente”, mi sono ricordato poi di una cosa divertentissima. In questo articolo sul signoraggio si dice che Kennedy stampò delle fantomatiche “United States Notes” che erano emesse dal Tesoro anziché dalla Federal Reserve, e che la Fed lo uccise per preservare i privilegi dei banchieri. Nell’articolo linkato è fotografata una banconota da un dollaro, dove non si legge “Federal Reserve Note”, in effetti. Volete sapere il trucco? Tutti i dollari, o perlomeno quelli che mi hanno dato quando sono stato negli USA e quello che ho nel portafoglio in questo momento come souvenir, su un lato hanno scritto “The United States of America, mentre sull’altro hanno scritto “Federal Reserve Note”. Un trucchetto da quattro soldi per ingannare la gente, o ci credono sul serio? Ai posteri l’ardua sentenza. "



Se seguiamo il link specificato, ci compare questa:

dollaro americano

[Didascalia]
Una delle banconote emesse da Kennedy nel 1963 con la scritta (in alto): "United States Note", invece dell'attuale "Federal Reserve Note".



Non solo la banconota non è da un dollaro ma è da due dollari (cieco 1), ma si vede chiaramente che la scritta "United States Note" è BEN VISIBILE SOPRA (cieco 2), mentre NON andava notata la scritta SOTTO (United States of America), come riportato dalla didascalia (cieco 3).

Queste sono ovviamente le banconote da 2 dollari che furono emesse per volontà del presidente John Fitzgerald Kennedy, firmando l'ordine esecutivo 11110. Ecco le nostre fantomatiche "United States Note".

Nessun commento:

Posta un commento