mercoledì 18 marzo 2009

La notizia più ridicola..

Israele potrebbe usare missili balistici contro l'Iran

GERUSALEMME (Reuters) - Israele potrebbe utilizzare missili balistici contro le strutture nucleari dell'Iran nel caso decidesse di sferrare un attacco preventivo, reputando troppo rischiosi i raid aerei. Lo riferisce un rapporto di un gruppo di esperti di Washington.


Si crede che Israele sia dotato di missili Jericho capaci di colpire l'Iran con un margine di errore di poche dozzine di metri dall'obiettivo. Queste armi non hanno inoltre gli inconvenienti degli aerei da guerra, i limiti di carburante e i pericoli per i piloti.

Desumendo dalle asserzioni degli esperti che i Jericho più avanzati possono portare testate da 750 kg, Abdullah Toukan del Centro di Studi Strategici Internazionali ha detto che 42 missili sarebbero sufficienti a "danneggiare gravemente o demolire" i maggiori siti nucleari dell'Iran a Natanz, Esfahan e Arak.

"Se il Jericho III sarà sviluppato del tutto e la sua precisione sarà davvero così elevata, allora questa possibilità sarà molto più fattibile rispetto all'utilizzo di aerei da combattimento" ha detto nel rapporto del 14 marzo intitolato "Studio su un possibile attacco israeliano contro le Centrali Nucleari dell'Iran".

Israele, che nel 1981 ha bombardato con i suoi jet il reattore nucleare dell'Iraq e nel 2007 ha sferrato un attacco simile in Siria, ha fatto capire che potrebbe impedire con la forza all'Iran di fabbricare la bomba atomica.

Ma molti esperti pensano che i siti iraniani siano troppo distanti, dispersi e fortificati per gli aerei da guerra israeliani.

Israele non conferma né nega di avere missili Jericho, in linea con la sua politica "ambigua" in merito al suo arsenale atomico.


------------------

EDIT:

La "Buona" notizia: Israele non è più uno stato razzista!
http://unionesarda.ilsole24ore.com/Articoli/News/111090
Onu: razzismo, nel nuovo testo per Durban non si cita Israele

Un nuovo progetto di testo per la Conferenza dell'Onu contro il razzismo (Durban II) è stato presentato oggi a Ginevra: il documento di 17 pagine - disponibile sul sito internet dell'Onu - non cita Israele, nè la "diffamazione" delle religioni, due elementi considerati inaccettabili dai Paesi occidentali, Usa, Israele, Canada ed Italia in particolare. Il nuovo progetto - più corto del precedente - è stato presentato dall'ambasciatore russo Yuru Boychenko presidente del comitato di redazione della Conferenza dell'Onu sul razzismo Durban, in programma ad aprile a Ginevra.
(Adesso a Gaza possono dormire sonni tranquilli!)

1 commento:

  1. Ciao, quando hai tempo visita il mio sito, se sei d'accordo con il mio stile di vita aggiungi il blog ai tuoi link.

    RispondiElimina