venerdì 21 novembre 2008

Maurice Allais denuncia il Signoraggio e la riserva frazionaria?

Tempi duri per i negazionisti della Grande Truffa. Chissà quali acrobazie dialettiche si inventeranno quando gli sarà fatto notare che anche lo stimato Maurice Allais, premio nobel dell'economia del 1988, denuncia il signoraggio delle Banche Centrali, nonché la (diabolica) truffa della riserva frazionaria, così come denunciano da anni in rete i "signoraggisti", chiamati da alcuni (ovviamente a scopo di discredito) addirittura una setta di mitomani (sic!). Chiameranno mitomane anche Allais?

Non che ci sia bisogno, per la maggioranza della gente, di una conferma dal mondo accademico per avvalorare la "tesi" del signoraggio. Ma proprio da chi ha studiato, chi si è "laureato", c'è più reticenza a mettere in discussione le idee acquisite. Lo sforzo è maggiore in quanto ai ragazzi delle Università vengono propinate tesi riguardo i fenomeni (le pratiche) di creazioni della moneta, e solitamente è veramente difficile che vengano messe in discussione. Vengono semplicemente accettate, e come disse un filosofo: "le convinzioni, più delle menzogne, sono nemiche pericolose della verità".
Perché purtroppo per molti "laureati", solo i "laureati" possono avere voce in capitolo...
Io non posso che riportare una altra citazione, questa volta di Sandro Pascucci, che senza tanti fronzoli scrive: "Asserire che solo gli economisti possano parlare di moneta è come dire che solo i ginecologi possano trombare..".

Riporto qui solo una nota significativa dell'articolo "La crisi mondiale dei giorni nostri" di Allais, comparso ben dieci anni fà su un periodico francese. La traduzione integrale da cui l'ho tratta è stata fatta di recente ed è disponibile sul sito www.signoraggio.com/signoraggio_lacrisimondiale.html.

Allasi scrive:
[20] Con questo sistema non sarebbe creata altra moneta eccettuata quella della Banca Centrale, e il reddito da signoraggio proveniente dalla creazione di moneta da parte della Banca Centrale sarebbe restituito allo Stato, ed esso stesso permetterebbe nelle condizioni attuali di abolire la quasi totalità delle imposte progressive sul reddito. Vedere il mio saggio
“Pour la réforme de la fiscalité”. Una riforma tale avrebbe il vantaggio della chiarezza e della trasparenza. Oggi i redditi da signoraggio provenienti dalla creazione di moneta sono spartiti tra mani ignote, senza che nessuno possa realmente identificare chi è che ne trae profitto. Questi redditi non fanno che causare ingiustizia e instabilità e, favorendo investimenti non realmente redditizi per la collettività, non fanno che causare uno sperpero di capitale. Fondamentalmente la creazione di denaro dal nulla (ex nihilo) effettuata dal sistema bancario è identica, non esito mai a dirlo per fare ben comprendere con cosa si ha a che fare, alla creazione di denaro da parte dei falsari, per questo motivo giustamente condannati dalla legge. Nel concreto essa provoca gli stessi risultati. La differenza è chi ne trae il profitto.

60 commenti:

  1. Infatti.
    Io dico sempre, ad esempio, che non sono laureato in economia, nonostante questo sono un economista :-)

    Del resto il signoraggio non è materia da tecnici proprio perché si basa sull'ignoranza.
    Nelle nostre facoltà di economia le politiche monetarie non sono studiate in quanto la moneta non è considerata oggetto di mercato.
    Il signroaggio era invece studiato in Italia negli anni '30 quando alla Bocconi c'era Ezra Pound...

    RispondiElimina
  2. Il potere più antico del mondo, sconosciuto alla totalità della gente. E poi ci chiamano "complottisti"...

    RispondiElimina
  3. Basta vedere gli utili delle banche centrali per capire che il signoraggio è una piccola frazione delle entrate di cui uno stato si può appropriare. E lo Stato già incassa i redditi da signoraggio, una bella lettura allo statuto delle banche centrali il prof. Allais la dovrebbe dare a partire dallo statuto della banca di francia.

    RispondiElimina
  4. Mentre tu, anonimo, guardi gli utili, io mi concentro sul debito e sulla sua impossibilità di pagarlo.

    Bella quella dello stato che incassa il signoraggio, davvero!


    E dici poi di leggere lo statuto!!

    Fatto da loro, e modificato da loro da poco, quando nel 2005 venne fuori che violavano palesemente l'ex art 3 che sanciva che la BdI dovesse essere per la maggior parte in mano pubblica....

    RispondiElimina
  5. Che centra il debito con il signoraggio? Il signoraggio è una quantità molto modesta nell'economia di un paese.
    Lo statuto della Banca d'Italia è stato modificato dal governo italiano con decreto legge, altro che fatto da loro.
    Leggitelo dato che non sai quello che si incassa lo stato.

    RispondiElimina
  6. Il signoraggio è il profitto che si intascano chi crea ed emette la moneta, la quale viene addebitata per il valore nominale più interessi al cittadino al momento in cui viene creata.

    Il debito è inesigibile perché ovviamente non vengono stampati i soldi per comprire gli interessi. Il debito non può che accumularsi.

    Il debito insomma, è dovuto alla mancanza dl popolo della sovranità monetaria la quale è stata ceduta all'oligarchia bancaria.

    RispondiElimina
  7. Il signoraggio è il reddito che intasca chi emette moneta. Nel caso della BC sono gli interessi sui titoli in contropartita della moneta emessa.
    Il debito è altro, deriva dai deficit periodici dei soggetti economici che spendono più di quello che hanno, ed è sempre esistito fin dall'origine della finanza, non dipende dalle banche centrali che sono state create per inflazionare, e se proprio vogliamo mettere la virgola sono a favore dei debitori.
    Il debito pubblico in particolare deriva dalle spese statali ed è un costo reale che comunque qualcuno si sobbarca. Pensare che con una bacchetta magica sparisca è una favola alla quale credono i bambini di cinque anni.

    RispondiElimina
  8. Il signoraggio è il reddito che intasca chi emette moneta. Nel caso della BC sono gli interessi sui titoli in contropartita della moneta emessa.
    ?
    Eccone un'altro che legge wikimerdia.

    Quella stronzata è presa pari pari dal sito di Bankitalia S.p.A
    O sei un wikimerdiano, o un banckiere, un ingenuo che ci crede. (Spero solo che tu non sia un grillino)


    Il debito è altro, deriva dai deficit periodici dei soggetti economici che spendono più di quello che hanno,
    Già qui ci possiamo fermare... si capisce "quanto" hai studiato il signoraggio e la truffa del debito...

    ed è sempre esistito fin dall'origine della finanza, non dipende dalle banche centrali che sono state create per inflazionare, e se proprio vogliamo mettere la virgola sono a favore dei debitori.


    Ma per favore! Basta, mi stai facendo morire dal ridere!

    Per te il debito non dipende dalle banche centrali????
    Ma se sono loro che emettono la moneta a debito (valore facciale + intressi)!!
    Il debito è dovuto all'IMPOSSIBILITÀ MATEMATUICA di pagarlo.



    Il debito pubblico in particolare deriva dalle spese statali ed è un costo reale che comunque qualcuno si sobbarca.


    Non ho dubbi. Infatti È IL POPOLO CHE LO PAGA! TUTTO!


    Pensare che con una bacchetta magica sparisca è una favola alla quale credono i bambini di cinque anni.


    Ho capito, sei uno studente di economia.

    RispondiElimina
  9. ?
    Eccone un'altro che legge wikimerdia.

    Quella stronzata è presa pari pari dal sito di Bankitalia S.p.A
    O sei un wikimerdiano, o un banckiere, un ingenuo che ci crede. (Spero solo che tu non sia un grillino)
    "
    Da wikipedia le prendete voi le informazioni non io. Piuttosto come ogni complottista accusi gli altri di essere servi dei potenti se solo obbiettano alle tue fesserie.

    Ma per favore! Basta, mi stai facendo morire dal ridere!

    "Per te il debito non dipende dalle banche centrali????
    Ma se sono loro che emettono la moneta a debito (valore facciale + intressi)!!
    Il debito è dovuto all'IMPOSSIBILITÀ MATEMATUICA di pagarlo."

    Dire che il debito di un soggetto dipende dalle banche centrali è come dire che in un'economia in cui la moneta è il grano il debito è prodotto dai contadini.
    Se uno stato o qualsiasi soggetto ha entrate maggiori delle uscite il debito lo può estinguere.

    "Non ho dubbi. Infatti È IL POPOLO CHE LO PAGA! TUTTO!"
    E lo paga comunque hai presente il sudamerica? Pensare di fare sparire i costi con una stampante è una cazzata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che campi a fa se non capisci quello che leggi? Pensi veramente che i debiti mondiali sono estinguibili??? Come pensi si possa estinguere un debito di 2000 miliardi spiegami un po? Infatti il pari di bilancio c e solo in Italia negli altri stati non lo fanno perche gli economisti al governo sanno benissimo che con l emissione al passivo del valore nominale genera debito pubblico visto che le banche sono private... Che ulocco

      Elimina
    2. I debiti pubblici di fatto non vengono estinti ma vengono rinnovati. Ma il discorso del pareggio di bilancio non c'entra niente: il pareggio di bilancio è un modo per evitare che il debito continui a crescere. Certo, in teoria con il pareggio di bilancio, sul lungo periodo il debito si estingue, ma di fatto è una cosa politicamente improponibile. Ma questo non ha a che fare con il signoraggio, ha a che fare con la politica, con l'esigenza dello stato di spendere, sia per fare infrastrutture e opere pubbliche, sia per pagare lo stato sociale, sia per pagare privilegi vari, pensioni d'oro, pensioni baby, superstipendi ecc.

      Elimina
  10. Ah la banca d'italia non è una spa

    RispondiElimina
  11. Da wikipedia le prendete voi le informazioni non io.
    È risaputo che su wikipedia si dica cose contrarie a ciò che diciamo noi "signoraggisti" (come amate definirci), e ti pare che io da "signoraggista" vada a prendere le cose lì???

    Piuttosto come ogni complottista accusi gli altri di essere servi dei potenti se solo obbiettano alle tue fesserie.
    Sai non basta obbiettare alle "fesserie", ma bisonga dare una spiegazione a ciò che si dice.
    Non affidarsi ciecamente ai dogmi economici/religiosi che insegnano alle università (o addirittura la storiellina che insegnao alle elementari dello stato che ha più uscite che entrate)...
    Cosa penso io del signoraggio, l'ho spiegato qui:
    dmonax.blogspot.com/2008/11/il-signoraggio-bancario-e-la-riserva.html


    Dire che il debito di un soggetto dipende dalle banche centrali è come dire che in un'economia in cui la moneta è il grano il debito è prodotto dai contadini. Se uno stato o qualsiasi soggetto ha entrate maggiori delle uscite il debito lo può estinguere.

    Il debito pubblico vine incrementato ad ogni emissione di obbligazioni. Come pensi di poter pagare queste obbligazioni? Con le TASSE, dirai... Ma la moneta arriva già come un debito! Essa stessa è emessa in contropartita alle obbligazioni! Rappresenta anche questa un debito su cui gravano interessi. Seguirà un disegnino....


    Ah la banca d'italia non è una spa
    Seh... come no!

    RispondiElimina
  12. "È risaputo che su wikipedia si dica cose contrarie a ciò che diciamo noi "signoraggisti" (come amate definirci), e ti pare che io da "signoraggista" vada a prendere le cose lì???"
    Wikipedia scrive di tutto pertanto pure le vostre idiozie potrebbero ottenere cittadinanza. Potrete provarci..

    "Sai non basta obbiettare alle "fesserie", ma bisonga dare una spiegazione a ciò che si dice.
    Non affidarsi ciecamente ai dogmi economici/religiosi che insegnano alle università (o addirittura la storiellina che insegnao alle elementari dello stato che ha più uscite che entrate)...
    Cosa penso io del signoraggio, l'ho spiegato qui:
    dmonax.blogspot.com/2008/11/il-signoraggio-bancario-e-la-riserva.html"
    Chi crede ai dogmi siete voi. Semplicemente il signoraggio è un reddito ovvero un ricavo, e il ricavo per il titolare della politica monetaria se sai cosa vuol dire sono gli interessi sulle attività in contropartita all'emissione di moneta.
    Ti ripeto se sai cosa vuol dire la politica monetaria perché c'è una bella differenza tra la vendita di cioccolatini e il controllo della quantità di moneta.


    "Il debito pubblico vine incrementato ad ogni emissione di obbligazioni."
    Anche il debito privato, ogni società che si indebita emette obbligazioni questa è una ovvietà.


    "Come pensi di poter pagare queste obbligazioni? Con le TASSE, dirai... Ma la moneta arriva già come un debito! Essa stessa è emessa in contropartita alle obbligazioni! Rappresenta anche questa un debito su cui gravano interessi. Seguirà un disegnino...."
    Le obbligazioni in contropartita erano già esistenti prima dell'emissione di moneta lo sai?
    Ripeto la banca centrale attuale deriva dalla necessità di inflazionare, e per inflazionare al posto che mettere oro in contropartita mettono titoli.
    Ma non credo che tu possa comprendere questi ragionamenti.

    RispondiElimina
  13. "Ah la banca d'italia non è una spa
    Seh... come no!"
    Tanto per iniziare il capitale non è diviso in azioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che cazzo dici spastico, vai sul sito e leggi, potrai anche leggere del falso in bilancio grosso come una casa... Cioe le banche centrali quando stampano moneta spendendo 0,30€ mettono nelle passivita (quindi nei costi) il valore nominale cioe ad es 100 e non il reale costo di stampa cioe 0,30 che pidocchi di merda

      Elimina
  14. Chi crede ai dogmi siete voi.
    Tanto è vero che ad insegnare alle università ci state "voi altri".
    Non puoi accusare "noi" di essere dogmatici se siamo proprio "noi" che accusiamo "voi" economisti di ciò!
    Per esempio: il matematico John Forbes Nash ha smentito matematicamente con la "Teoria dei Giochi" del '49 i principi bigotti di Adam Smith, ma sono ancora insegnati e presi per buoni nelle università.
    Nel senso: non puoi accusare Galileo di essere dogmatico, usando l'accusa di eresia.


    Semplicemente il signoraggio è un reddito ovvero un ricavo, e il ricavo per il titolare della politica monetaria se sai cosa vuol dire sono gli interessi sulle attività in contropartita all'emissione di moneta.

    Ripetere le cose non le rende magimente vere, anche se sarebbe bello.
    Il signoraggio è un ricavo, ed è la differenza che si intasca quello che emette la moneta pari alla differenza tra valore facciale e valore intrinseco della stessa.
    La domanda è: visto che tu dici che si intascano solo gli interessi, dove va a finire il resto del bottino? Lo bruciano? fanno un falò delle banconote o della moneta elettronica?
    Poi ti ripeto, che il signoraggio è il reddito che si intascano, ma non stare a guardare solo il signoraggio. Il problema è il debito IMPAGABILE. E questo è un dato di fatto. Perché non si può pagare un debito se la moneta che serve a estinguerlo è emessa a debito (+ interessi che non stampa).


    Ti ripeto se sai cosa vuol dire la politica monetaria perché c'è una bella differenza tra la vendita di cioccolatini e il controllo della quantità di moneta.
    Dove mi hai chiesto se so cosa significa politica monetaria?
    E perché ora parli di quantità di moneta e cioccolatini?


    Le obbligazioni in contropartita erano già esistenti prima dell'emissione di moneta lo sai?
    Cioè le obbligazioni come si pagavano? In "natura"? :)
    O per te l'oro non aveva un tempo valore monetario?
    Comunque hai detto ciò per arrivare a cosa?


    Ripeto la banca centrale attuale deriva dalla necessità di inflazionare, e per inflazionare al posto che mettere oro in contropartita mettono titoli.
    Qusta è la cosa più stupida che io avessi mai sentito: ma sai cosa vuol dire "inflazionare"?
    È esattamente il risultato che otteniamo indebitandoci per avere moneta con la Banca Centrale e grazie alla moltiplicazione dei depositi delle banche commerciali, che possono arrivare a creare 50 volte la liquidità.

    Quindi tu stai dicemndo esattamente ciò che diciamo noi signoraggisti.
    E meno male che gli economisti dicono che la Banca Centrale serve per controllare l'inflazione! Addirittura mi dici che è una necessità infalzionare :D
    Necessità per chi? Per il sistema bancario che beneficia dell'emissione, mica il popolo, che l'inflaziona la paga.


    Ma non credo che tu possa comprendere questi ragionamenti.
    No, figurati, io rappresento il popolino imbecille :)
    Dai del cretino a qualcun'altro, grazie!

    RispondiElimina
  15. "Tanto è vero che ad insegnare alle università ci state "voi altri".
    Non puoi accusare "noi" di essere dogmatici se siamo proprio "noi" che accusiamo "voi" economisti di ciò!
    Per esempio: il matematico John Forbes Nash ha smentito matematicamente con la "Teoria dei Giochi" del '49 i principi bigotti di Adam Smith, ma sono ancora insegnati e presi per buoni nelle università.
    Nel senso: non puoi accusare Galileo di essere dogmatico, usando l'accusa di eresia."
    Nelle università ci sono docenti di ogni tipo di orientamento di scuola economica, caratterizzati da un fattore (quasi tutti) le pubblicazioni.
    Nash ha pubblicato le sue ricerche, le vostre baggianate non sono pubblicate da nessuna parte pertanto valgono zero.
    Siete voi i dogmatici.


    "Ripetere le cose non le rende magimente vere, anche se sarebbe bello.
    Il signoraggio è un ricavo, ed è la differenza che si intasca quello che emette la moneta pari alla differenza tra valore facciale e valore intrinseco della stessa."
    E' difficile capire che per il titolare della politica monetaria il valore facciale o meglio la massa monetaria emessa non è un ricavo?
    Perchè deve essere sempre in grado di ritirarla dal mercato pertanto i titoli in contropartita vengono tenuti per manovre restrittive.

    "La domanda è: visto che tu dici che si intascano solo gli interessi, dove va a finire il resto del bottino?"
    Il resto del bottino? Una volta che ritirano la moneta quella la distruggono a meno che non effettuino una nuova manovra espansiva attraverso i canali ordinari.

    "Poi ti ripeto, che il signoraggio è il reddito che si intascano, ma non stare a guardare solo il signoraggio. Il problema è il debito IMPAGABILE. E questo è un dato di fatto. Perché non si può pagare un debito se la moneta che serve a estinguerlo è emessa a debito (+ interessi che non stampa)."
    Debito di chi? Chi accende un mutuo può pagare il debito, lo stato può pagare il debito basta che tagli la spesa.
    Se intendi dire che il sistema avrà sempre il debito ti informo che era così anche prima della venuta della banca centrale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dite ai vostri superiori che a voi troll di merda vi spartissero le risposte, possibilmente diverse tra di, visto che usate tutti gli stessi vocabili facendo copia e incolla....

      stronzi e complici di questa tragedia che vede morire moltissima gente per far ingrassare i banchieri di merda, ce la dovete avere sulla coscienza anche voi fate SCHIFO!!

      Elimina
  16. Caro anonimo, tu vieni qui e dici sinteticamente questo:

    1) il signoraggio è una piccola frazione delle entrate di cui uno stato si può appropriare
    e 2) ritieni che ciò si possa vedere leggendo lo statuto della banca centrale [sic!]

    3) Dici che il signoraggio non c'entra niente con il debito, ma non tieni presente che nessuno qui dice che il debito è dovuto al signoraggio, quanto all'impossibilità di pagare le obbligazioni in contropartita alla moneta, e non ci vuole un matematico per dimostrare l'inesigibilità dei debiti contratti con queste obbligazioni.

    4) Riguardo al signoraggio pensi che nel caso della BC sono i soli interessi sui titoli (come scritto sul sito di Bankitalia) in contropartita della moneta emessa, e quindi per te il resto del signoraggio rappresentante anche il capitale da pagare alla BC, in contropartita alla moneta cartacea creata, magicamente scompaia e venga eliminato, cosa che, anche se fosse vera non risolverebbe il problema della truffa del debito inesigibile.

    5) arrivi a sostenere la storiellina che si racconta popolarmente che dice che il deficit periodico è dovuto ai soggetti economici che spendono più di quello che hanno, trascurando da dove arrivi la moneta, e che rappresenta la moneta stessa un debito che non può essere pagato.

    Che altro?

    RispondiElimina
  17. "Dove mi hai chiesto se so cosa significa politica monetaria?
    E perché ora parli di quantità di moneta e cioccolatini?"
    E' evidente che secondo voi la politica monetaria è equiparabile a un'attività di vendita non so di biscotti o a ciò che preferisci. Se si ragiona in questa maniera si può dire ogni stupidata.

    "Cioè le obbligazioni come si pagavano? In "natura"? :)
    O per te l'oro non aveva un tempo valore monetario?
    Comunque hai detto ciò per arrivare a cosa?"
    Quando c'era il baratto si pagava in natura, con la moneta di valore intrinseco si pagavano in oro e argento, ma le operazioni finanziarie erano già presenti nell'antichità e si sono sviluppate nel medioevo con tanto di interessi, ben prima della banca centrale.

    "Qusta è la cosa più stupida che io avessi mai sentito: ma sai cosa vuol dire "inflazionare"?"
    Svalutare

    "È esattamente il risultato che otteniamo indebitandoci per avere moneta con la Banca Centrale e grazie alla moltiplicazione dei depositi delle banche commerciali, che possono arrivare a creare 50 volte la liquidità."
    Se uno si indebita vuol dire che ha bisogno di moneta, se l'espansione monetaria viene ristretta il suo costo (interesse) si alza. Saresti contento?

    "Quindi tu stai dicemndo esattamente ciò che diciamo noi signoraggisti.
    E meno male che gli economisti dicono che la Banca Centrale serve per controllare l'inflazione! Addirittura mi dici che è una necessità infalzionare :D
    Necessità per chi? Per il sistema bancario che beneficia dell'emissione, mica il popolo, che l'inflaziona la paga."
    No non sono assolutamente in contraddizione. Il mainstream dice che le banche centrali indipendenti controllano meglio l'inflazione, di banche centrali dipendenti dalla politica ed è vero. L'inflazione è bassa ma c'è è questo che intendo con inflazionare, rispetto a una moneta con valore intrinseco che è propensa alla deflazione non alla bassa inflazione.
    Chi ci guadagna a inflazionare? Lo stato. Immaginati con una moneta a valore intrinseco, uno stato che si indebita vedrà rivalutarsi il suo debito anno dopo anno senza considerare gli interessi, e sarebbe ancora più difficile da controllare.
    Invece inflazionando il valore reale del debito diminuisce se non colleziona deficit spaventosi.

    RispondiElimina
  18. Nash ha pubblicato le sue ricerche, le vostre baggianate non sono pubblicate da nessuna parte pertanto valgono zero.
    Siete voi i dogmatici.

    Falso, sul valore della moneta, Giacinto Auriti ha pubblicato più libri, sulla trasformazione del popolo da proprietario a debitore dela valore monetario. E poi anche se non ci fosse nessun libro, non renderebbe la cosa dogmatica, anzi sarebbe una ragione del contrario.


    E' difficile capire che per il titolare della politica monetaria il valore facciale o meglio la massa monetaria emessa non è un ricavo?
    Perchè deve essere sempre in grado di ritirarla dal mercato pertanto i titoli in contropartita vengono tenuti per manovre restrittive.

    Sono consapevole che all'università non te lo spiegano che il valore della moneta adesso è un debito inesigibile per la colelttività, ed è di proprietà della Banca che la stampa. E sono anche sicuro che questo non ti dica assolutamente niente, vero?


    Il resto del bottino? Una volta che ritirano la moneta quella la distruggono a meno che non effettuino una nuova manovra espansiva attraverso i canali ordinari.

    Che il resto del signoraggio lo brucino o prende va a finire nelle grandi banche di compensazione non ce ne frega niente! Il problema che tu non riesci a capire è che il popolo è indebito della sua stessa moneta, anziché esserne proprietario!

    Semplice semplice: tu non sei proprietario del valore monetario, ma ne sei debitore verso la Banca Centrale.
    Detto in altri termini: sei uno schiavo che lavora per la banca.


    Debito di chi? Chi accende un mutuo può pagare il debito, lo stato può pagare il debito basta che tagli la spesa.
    Se intendi dire che il sistema avrà sempre il debito ti informo che era così anche prima della venuta della banca centrale.


    Che cosa assurda: tu cerchi di nascondere un fatto evidente!
    Noi non possiamo estinguere i debiti contratti con le obbligazioni statali, poiché la moneta è emessa con obbligazioni che genrano un debito con l'aggiunta di uin interesse che rende il debito eterno. Devo farti un disegnino o fin qui ci arrivi?

    RispondiElimina
  19. E' evidente che secondo voi la politica monetaria è equiparabile a un'attività di vendita non so di biscotti o a ciò che preferisci. Se si ragiona in questa maniera si può dire ogni stupidata.

    Non mettere in bocca di altri parole tue.


    Quando c'era il baratto si pagava in natura, con la moneta di valore intrinseco si pagavano in oro e argento, ma le operazioni finanziarie erano già presenti nell'antichità e si sono sviluppate nel medioevo con tanto di interessi, ben prima della banca centrale.
    E allora? Non è quello che ho detto io qui:
    dmonax.blogspot.com/2008/11/il-signoraggio-bancario-e-la-riserva.html
    Ripeto la domanda: dove volevi arrivare?

    Se uno si indebita vuol dire che ha bisogno di moneta, se l'espansione monetaria viene ristretta il suo costo (interesse) si alza. Saresti contento?
    No. Se uno si indebita vuol dire che è uno schiavo.
    Te devi comprendere la differenza tra moneta di proprietà del portatore e moneta debito.


    Chi ci guadagna a inflazionare? Lo stato.
    Lo stato è una cosa astratta, quindi affermi che il popolo benefici dell'inflazione, stai scherzando spero? Mi prendi in giro?

    Immaginati con una moneta a valore intrinseco, uno stato che si indebita vedrà rivalutarsi il suo debito anno dopo anno senza considerare gli interessi, e sarebbe ancora più difficile da controllare. Invece inflazionando il valore reale del debito diminuisce se non colleziona deficit spaventosi.
    Questo è puro delirio!
    Stai difendendo il sistema che genera debito inesigibile per il popolo!

    RispondiElimina
  20. "Falso, sul valore della moneta, Giacinto Auriti ha pubblicato più libri, sulla trasformazione del popolo da proprietario a debitore dela valore monetario. E poi anche se non ci fosse nessun libro, non renderebbe la cosa dogmatica, anzi sarebbe una ragione del contrario."
    Si sui libri delle favole, pubblicazini scientifiche lo sai cosa sono? Presumo di no.



    "Sono consapevole che all'università non te lo spiegano che il valore della moneta adesso è un debito inesigibile per la colelttività"
    Al massimo intenderai un credito inesigibile...

    "ed è di proprietà della Banca che la stampa. E sono anche sicuro che questo non ti dica assolutamente niente, vero?"
    Non sono di proprietà della banca centrale, la banca centrale ne controlla l'emissione, sono di proprietà di chi le possiede.

    "Che il resto del signoraggio lo brucino o prende va a finire nelle grandi banche di compensazione non ce ne frega niente!"
    E ancora, non è il signoraggio, la moneta ritirata dalla circolazione non ha più valore, viene eliminata.
    Uno che non riesce a comprendere la differenza tra reddito di emissione monetaria e incremento della base monetaria

    "Il problema che tu non riesci a capire è che il popolo è indebito della sua stessa moneta, anziché esserne proprietario!"
    Questi deliri marxisti senza né capo nè coda non li ho mai capiti.
    Che vuol dire il popolo è proprietario della moneta? La moneta è una misura delle merci e dei servizi è utilizzata per facilitare gli scambi, ora o è intrinseca e va pagata per il suo valore intrinseco, oppure occorre un titolare della politica monetaria che ne eviti la distruzione e stabilisca il costo funzionale all'economia, su questo proprio non riesci ad arrivarci.

    "Semplice semplice: tu non sei proprietario del valore monetario, ma ne sei debitore verso la Banca Centrale.
    Detto in altri termini: sei uno schiavo che lavora per la banca."
    No la moneta che ho sono proprietario e non la devo a nessuno perchè non ho debiti


    "Che cosa assurda: tu cerchi di nascondere un fatto evidente!
    Noi non possiamo estinguere i debiti contratti con le obbligazioni statali, poiché la moneta è emessa con obbligazioni che genrano un debito con l'aggiunta di uin interesse che rende il debito eterno. Devo farti un disegnino o fin qui ci arrivi?"
    L'Irlanda ha ridotto drasticamente il suo debito pubblico negli ultimi 30 anni, tanto per farti un esempio. Ma è inutile con chi vive nelle ideologie.

    RispondiElimina
  21. "Non mettere in bocca di altri parole tue."
    E' la logica dei vostri ragionamenti.

    "No. Se uno si indebita vuol dire che è uno schiavo.
    Te devi comprendere la differenza tra moneta di proprietà del portatore e moneta debito."
    Quindi un imprenditore è uno schiavo? Senza il debito saremmo in una civiltà anteriore a quella medioevale.
    La moneta proprietà come intendete voi ha un esempio che si chiama Zimnbawe.

    "Lo stato è una cosa astratta, quindi affermi che il popolo benefici dell'inflazione, stai spero? Mi prendi in giro?"
    No no lo stato è un ente concreto, che compra clientele, paga i dipendenti pubblici, e tassa i cittadini, ha un suo bilancio e intere categorie che campano grazie ad esso. Ci guadagna perchè può spendere più di quello che farebbe con una moneta non inflazionabile.

    "Questo è puro delirio!
    Stai difendendo il sistema che genera debito inesigibile per il popolo!"
    Ti dico la ragione per il quale sono costituite le banche centrali, perchè viene emessa la moneta in questo sistema, il motivo è che ne serve di più e principalmente lo stato vuole spendere.
    Che poi tu preferisca che non venga emessa in contropartita a titoli affinché non sia ritirabile e affinche iperinflazioni è un altro paio di maniche.

    RispondiElimina
  22. Si sui libri delle favole, pubblicazini scientifiche lo sai cosa sono? Presumo di no.
    Troppo difficile parlare di valore monetario, eh? E ritieni pure che l'economia sia una scienza?

    Al massimo intenderai un credito inesigibile...
    Ma qualle credito? La moneta è emessa a debito (e 1000). altro che credito.

    Non sono di proprietà della banca centrale, la banca centrale ne controlla l'emissione, sono di proprietà di chi le possiede.
    Vero, tanto è vero che la emettono prestandotela. Quindi tu ne concludi che sia tua :D
    La moneta è emessa come debito (e 1001)


    E ancora, non è il signoraggio, la moneta ritirata dalla circolazione non ha più valore, viene eliminata.
    Uno che non riesce a comprendere la differenza tra reddito di emissione monetaria e incremento della base monetaria

    Uno invece che non comprende la differenza tra moneta di proprietà del portatore e moneta debito... (e 1002)

    No la moneta che ho sono proprietario e non la devo a nessuno perchè non ho debiti
    la moneta è emessa a debito (e 1003...)

    L'Irlanda ha ridotto drasticamente il suo debito pubblico negli ultimi 30 anni, tanto per farti un esempio.
    Si può ridurre, per esempio svendendo patrimonio pubblico, ma alla fine non potrai svendere più niente, a meno che non vuoi vendere un tuo rene, o tua moglie...
    NON C'È NESSUNA POSSIBILITÀ DI ESTINGUERE IL DEBITO. È MATEMATICA.


    Ma è inutile con chi vive nelle ideologie.
    Ma qui sei tu l'economista, sei tu che credi ai dogmi econmico/religiosi!

    A quanto pare non comprendi la differenza tra valore monetario di proprietà del portatore e valore monetario rappresentante un debito.

    RispondiElimina
  23. "Troppo difficile parlare di valore monetario, eh? E ritieni pure che l'economia sia una scienza?"
    Si l'economia è una scienza, e ahimè gli economisti si misurano in pubblicazioni su riviste specializzate, Auriti di pubblicazione economica non ne ha fatta manco mezza.

    "Ma qualle credito? La moneta è emessa a debito (e 1000). altro che credito."
    Beh allora non c'è problema se hai detto che è inesigibile la BC non può chiedertelo. Sto seguendo il tuo ragionamento contorto.

    "Vero, tanto è vero che la emettono prestandotela. Quindi tu ne concludi che sia tua :D
    La moneta è emessa come debito (e 1001)"
    Ma non è mio debito, io quando ricevo della moneta non mi indebito, mi indebito come ogni soggetto quando spendo senza avere capitali.

    "la moneta è emessa a debito (e 1003...)"
    In cambio di obbligazioni che già esistevano, non sono state create dall'emissione di moneta.


    "Uno invece che non comprende la differenza tra moneta di proprietà del portatore e moneta debito... (e 1002)"
    La moneta è di proprietà del portatore, tu sei uno che confonde il debito con la creazione di moneta.



    "Si può ridurre, per esempio svendendo patrimonio pubblico, ma alla fine non potrai svendere più niente, a meno che non vuoi vendere un tuo rene, o tua moglie...
    NON C'È NESSUNA POSSIBILITÀ DI ESTINGUERE IL DEBITO. È MATEMATICA"
    Ha ridotto le spese non ha svenduto il patrimonio pubblico. E' matematica che con i surplus di bilancio il debito si annulla.

    RispondiElimina
  24. "A quanto pare non comprendi la differenza tra valore monetario di proprietà del portatore e valore monetario rappresentante un debito"
    A quanto pare non comprendi tu la differenza. Che incrementare la massa monetaria attraverso la compravendita di titoli ne permette il controllo, attraverso acquisto di beni e servizi ne impeisce la riduzione e ne distrugge il valore in poco tempo.
    Es. Greenbaks, iperinflazione argentina....
    Il debito è effetto di costi reali che vengono in qualche modo pagati.

    RispondiElimina
  25. Quindi un imprenditore è uno schiavo? Senza il debito saremmo in una civiltà anteriore a quella medioevale.
    La moneta proprietà come intendete voi ha un esempio che si chiama Zimnbawe.


    Per favore non si continui ad affermare quanto meraviglioso sia il debito... è un affermazione che mi procura un forte agitamento degli acidi gastrici...

    Dire che senza debito staremmo peggio è da schiavi masochisti, dato che il debito per sua natura è un obbligo da pagare. Se ti piace essere indebitato, non pensare che piaccia anche agli altri. Scommetto che la stragrande maggioranza di chi lavora veramente (non i banchieri), quelli che sudano e vengono pagati con stipendi da fame, abbiano qualcosa da dire in cotnrario...

    Ma guardiamo in faccia la realtà, caro economista anonimo!
    Ciò che tu pensi sia un mondo di progresso (come quello moderno) altro non è che un mondo indebitato: tutti gli stati sono indebitati da cifre paurose che condizionano pesantemente tutta la società.

    Se aprimao gli occhi ci accorgiamo che non è mai esistita nel mondo tanta schiavitù come lo è quella moderna, la schiavitù del debito.

    Apri gli occhi sul fatto che il sistema che tu tanto strenuamente difendi, sicuramente senza rendertene conto (dato che così vengono formati tutti gli economisti dalle scuole di economia, ovvero per mantenere lo status quo), questo non è IL sistema, ma semplicemente UN sistema. E se guardandiamo la situazione ci si accorge che forse è uno dei PEGGIOR sistemi.

    Io spero che tu riesca prima o poi a comprendere quanto sia marcio un sistema del genere, perché in caso contrario ti ho detto come la penso, ed è inutile continuare.

    Saluti

    RispondiElimina
  26. "Per favore non si continui ad affermare quanto meraviglioso sia il debito... è un affermazione che mi procura un forte agitamento degli acidi gastrici..."
    La finanza è una necessità dell'economia serve a fare incontrare il risparmio con l'investimento, le risorse da dove ce ne sono in abbondanza


    "Dire che senza debito staremmo peggio è da schiavi masochisti, dato che il debito per sua natura è un obbligo da pagare."
    Ma inanzitutto il debito presuppone l'avere ricevuto in cambio un bene o un servizio. Poi non so quanto dovremmo risalire a una società senza debiti, dato che forme di microfinanza si possono rintracciare nell'antica grecia? Non so credo nella preistoria, penso che stavano decisamente meglio di noi non trovi?


    "Se ti piace essere indebitato, non pensare che piaccia anche agli altri."
    Sicuramente non fa piacere a nessuno, come non fa piacere a nessuno andare a lavorare per guadagnarsi la pagnotta sarebbe molto meglio starsene a casa ma ahime non viviamo nelle favole.
    Per chi vuole mettere su un'impresa e ha grandi possibilità o è ricco sfondato oppure deve indebitarsi, non farlo vuol dire rinunciare a futuri guadagni dell'attività imprenditoriale, pertanto per chi è capace è un'opportunità per crescere.

    " Scommetto che la stragrande maggioranza di chi lavora veramente (non i banchieri), quelli che sudano e vengono pagati con stipendi da fame, abbiano qualcosa da dire in cotnrario.."
    Ripeto puoi fare gli stessi ragionamenti con chi lavora, nessuno fa piacere alzarsi la mattina e sudare al lavoro, ma se non lavorassimo, saremmo tutti più poveri. Stesso per la finanza ha dato un grande contributo alla crescita economica e questo è innegabile.

    "Ma guardiamo in faccia la realtà, caro economista anonimo!
    Ciò che tu pensi sia un mondo di progresso (come quello moderno) altro non è che un mondo indebitato: tutti gli stati sono indebitati da cifre paurose che condizionano pesantemente tutta la società."
    Se gli stati sono indebitati, alcuni in maniera modesta altri in maniera preoccupante la colpa è dei politici che li gestiscono, un po' come se una società collezionasse perdite e debiti paurosi, la colpa è degli amministratori.

    "Se aprimao gli occhi ci accorgiamo che non è mai esistita nel mondo tanta schiavitù come lo è quella moderna, la schiavitù del debito."
    Non è mai esistita una società con così tanto peso dello stato sociale per esempio e questo è un costo enorme, non è mai esistita una società con così alta aspettativa di vita e questo è un costo, non è mai esistita una società dal consumismo di massa e questo è un costo. Come vedi ci sono i pro e i contro, i pasti gratis per tutti non esistono.

    "Apri gli occhi sul fatto che il sistema che tu tanto strenuamente difendi, sicuramente senza rendertene conto (dato che così vengono formati tutti gli economisti dalle scuole di economia, ovvero per mantenere lo status quo), questo non è IL sistema, ma semplicemente UN sistema. E se guardandiamo la situazione ci si accorge che forse è uno dei PEGGIOR sistemi"
    Non so dove hai letto che difendo questo sistema. Ti ho solo fatto notare che è un sistema che ha voluto lo stato, che in realtà avvantaggia lo stato e la classe politica, che il debito se venisse pagato con stampa di moneta non emessa in contropartita di titoli avrebbe come conseguenza l'iperinflazione, e che i costi qualcuno li sopporta non li cancelli con un tratto di penna.

    "Io spero che tu riesca prima o poi a comprendere quanto sia marcio un sistema del genere, perché in caso contrario ti ho detto come la penso, ed è inutile continuare."
    Io spero che tu riesca a capire che i soldi non crescono sugli alberi. Ovvero che la cartamoneta non fa diventare ricco un paese.

    RispondiElimina
  27. Questa storia del signoraggio è una bufala. Il fatto che ne parli un premio Nobel per l'economia.. beh, intanto è l'unico, poi ne ha parlato dopo aver vinto il premio Nobel, che ovviamente aveva vinto per studi di diverso tipo.. come mai i premi Nobel venuti dopo, come Stiglitz, non hanno mai ripreso e confermato questa teoria? Ah giusto, perché c'è un complotto generale. Insomma la "teoria" è vera sia se ne parlano, sia se non ne parlano! Il fatto che si debba ricorrere a espressioni tipo "apri gli occhi" dimostra che di concreto non c'è niente... tranne panzane del tipo che il debito pubblico verrebbe creato dall'emissione di nuova moneta, cosa del tutto falsa.

    RispondiElimina
  28. @ Eugenio

    Il tuo articolo fa acqua da tutte le parti. E' un concentrato di ingenuità, confusione e falsità.

    Esaminiamo nel dettaglio:

    "1- I soldi vengono stampati dal nulla."
    VERO, è finita l'era del gold standard, con l'abolizione degli accordi di Bretton Woods del '71. Forse dovresti aggiornarti: non c'è nessuna riserva a coprire la moneta, che inizialmente era una "cambiale" che certificava un quantitativo di oro della banca che la emetteva. Questo vale sia per la creazione di base monetaria (BC) sia per la creazione dei depositi bancari da parte di banche commerciali.

    "2- I soldi non valgono nulla"
    FALSO. Nessun signoraggista l'ha mai detto: puoi linkarmi qualcuno che lo dice? Tutti i siti che io conoscono parlano di valore indotto della moneta. Non mi stancherò mai di dirlo: la moneta rappresenta il valore di ciò che sta misurando, e vale la misura che si accinge a misurare.
    Auriti parlava di moneta come "misura del valore e valore della misura". Nessuno dice che non valga nulla, ma anzi che il valore che la moneta rappresenta non può essere di proprietà della banca che la emette dal nulla, ma deve essere di proprietà del cittadino che da valore alla moneta con l'accettazione.

    IN parole povere:
    NON E' la BANCA A DAR VALORE AL DENARO MA I CITTADINI CHE L'ACCETTANO COME MEZZO DI SCAMBIO.

    Dovresti stare attento a mettere in bocca di alcuni parole tue. Tutta la tesi del signoraggio parte dal chiedersi di chi sia la proprietà della moneta all'atto dell'emissione. Io ho scritto un post, leggilo dmonax.blogspot.com/2008/11/il-signoraggio-bancario-e-la-riserva.html

    "3 - Il valore intrinseco della moneta è dato dai costi sostenuti per stamparla."

    QUESTO PER DEFINIZIONE.

    Il valore di una banconota è dato innanzitutto dai costi di produzione, un valore intrinseco irrisorio. Il restante valore è un "valore indotto" che prende forma nell'atto di ACCETTARE quella moneta come moneta di scambio, dandole un valore del tutto convenzionale.
    Questo lo diceva Auriti, e sembra che anche tu lo sappia, visto che scrivi: "In realtà i soldi valgono eccome, dal momento che rappresentano il controvalore della ricchezza prodotta dalla società."

    Infatti è la stessa cosa che diceva Auriti parlando di "dublicazione" del valore con la moneta. Perché essa non fa che rappresentare una ricchezza già esistente, duplicandone il valore: valore merce + valore moneta.
    Non fare confusione: il problema è incentrato sulla proprietà di questa moneta che viene emessa a debito dalla banca verso la collettività, pur senza questa possedere la riserva. La riserva è stata nella storia l'unica scusante delle banche nell'emettere la moneta "prestandola", perché la banca era legalmente PROPRIETARIA dell'oro, e quindi emetteva "prestando" perhcé la prorietà della moneta ricadeva sulla banca.
    Chiunque poi poteva andare in banca e richiedere indietro l'oro che la moneta rappresentava. Con l'abolizione della riserva è diventata una TRUFFA. Perché senza l'oro le banche non sono più proprietarie della moneta che emttono.

    4- Emettendo moneta dal nulla, la banca centrale si arricchisce senza motivo.
    No! Sei tu che ti INDEBITI verso la banca SENZA NESSUN MOTIVO PLAUSIBILE, visto che la moneta che ha emesso NON era di proprietà della banca, che quindi ti ha truffato. Anche se paradossalmente distruggessero il denaro che torna indietro con il pagamento dei titoli (come dicono), NON fa nessuna differenza per il popolo! In quanto l'espropriazione di ricchezza è solo un aspetto del problema: di gran lunga maggiore è la tua perdita di libertà, e il conferimento di un POTERE TERRIBILE nelle mani degli usurai.
    Ecco perché dico "apri gli occhi", alla luce di questa truffa non si può ancora credere alla cazzata della "Democrazia e libertà".
    Svegliati! Qui è in gioco la NOSTRA libertà.

    "5- Dal 1971 le banche centrali emettono moneta senza copertura."

    VERO.

    "In realtà le cose non stanno così: quello che fece Nixon fu di sospendere la convertibilità del dollaro in oro"
    In realtà la convertibilità era interrotta da prima del '71, anno durante il quale Nixon abolì il legame del dollaro verso qualunque metallo prezioso.

    "6- Comprando il denaro dalla banca centrale, lo Stato, e tutti i cittadini, si indebitano a vantaggio del sistema bancario."
    VERO

    "Voi prestereste soldi gratis?"
    Domanda stupida: come si fa a prestare se l'atto stesso di prestare implica un debito nei confronti di chi chiede il prestito?

    La domanda che dovremmo porre è: perché la banca PRESTA la moneta che non gli appartiene?
    Tu caro amico puoi prestare ciò che non hai? LA BANCA LO FA TRUFFANDOTI. SVEGLIA!

    "7 - La banca centra crea soldi che in realtà dovrebbero appartenere al popolo."

    Vero. Il valore della moneta non appartiene alla banca ma a chi uitilizza la moneta come mezzo di scambio. La banca svolge una funzione puramente tipografica.

    "Intanto non si capisce, se i soldi non valgono nulla, che senso abbia dire che "dovrebbero appartenere al popolo"."
    Caro Eugenio! Tu metti in bocca di alttri parole tuie e poi ti rispondi pure!
    Ti ho spiegato che in realtà i signoraggisti non dicono affatto che la moneta non vale nulla.
    PARLANO INFATTI DI VALORE INDOTTO.


    Mi fermo qui perché siamo a livelli di comprensione del problema veramente bassi.

    RispondiElimina
  29. Nel mio articolo non intendevo commentare le tue idee, ma quelle che girano nel web. Comunque ho rivisto l'articolo, adesso dovrebbe essere chiaro.

    >non c'è nessuna riserva a coprire la moneta, che inizialmente era una "cambiale" che certificava un quantitativo di oro della banca che la emetteva

    Sì ma non è che quel sistema fosse perfetto. Infatti di per sé non è che l'oro abbia un valore intrinseco. Tanto è vero che se si immetteva troppo oro, aumentava l'inflazione, se ce n'era troppo poco, si creava una deflazione.

    >Nessuno dice che non valga nulla, ma anzi che il valore che la moneta rappresenta non può essere di proprietà della banca che la emette dal nulla

    Ma la banca non la emette dal nulla: la emette a fronte di una richiesta di liquidità da parte del sistema bancario, che per questo emette titoli. E il sistema bancario ha bisogno di liquidità quando riceve richieste di prestiti che non può coprire (perché non può prestare più del valore dei suoi depositi).

    >Il valore della moneta non appartiene alla banca ma a chi uitilizza la moneta come mezzo di scambio

    Infatti i miei soldi appartengono a me :-)

    RispondiElimina
  30. "Ma la banca non la emette dal nulla: la emette a fronte di una richiesta di liquidità da parte del sistema bancario, che per questo emette titoli."

    Non è la Banca ad emtettere titoli ma lo Stato. La Banca compra questi titoli dal mercato aperto attraverso degli intermediari.
    Lo stato si indebita mendiante obbligazioni anche per l'emissione della moneta. Il cui costo quindi pesa sulle spalle della collettività.
    Per ogni quantità di moneta creata, vi è una quantità analoga + interessi che rappresentano un debito per i cittadini.
    E' UN TRUFFA, perché si dimostra che non essendoci più la riserva, la BC risulta compiere un mero lavoro tipografico sulle banconote, ma pretende dallo Stato il valore facciale delle banonote + interessi.
    Il valore della moneta non è di proprietà della Banca che la stampa a costo 0, ma dei cittadini che lavorano e producono.


    "E il sistema bancario ha bisogno di liquidità quando riceve richieste di prestiti che non può coprire (perché non può prestare più del valore dei suoi depositi)."

    A parte che ci sono i regolamenti di Basilea 2 e quelli della BCE, sui requisiti patrimoniali e riserva obbligatoria che limitano l'erogazione dei prestiti, il "punto chiave" che si deve capire, è che le banche non sono proprietarie della moneta che prestano, e Allais li definisce niente popodimeno che FALSARI LEGALIZZATI. Il lavoro che fanno è quello. Creano moneta di cui non sono proprietari e la prestano.


    "Infatti i miei soldi appartengono a me :-)"

    Alla luce di ciò che ho scritto prima in merito alla nascita di moneta (solo al corrispettivo del debito + interessi) la tua affermazione è falsa.
    La proprietà dei soldi che sono in circolazione rappresentano un debito nei confronti dell'oligarchia bancaria che li ha creati. Solo nelle apparenze appartengono a te.

    RispondiElimina
  31. >Lo stato si indebita mendiante obbligazioni anche per l'emissione della moneta. Il cui costo quindi pesa sulle spalle della collettività.

    E quale sarebbe l'alternativa? Far funzionare delle macchine che stampano la moneta, tenerle nei forzieri, metterle in circolazione ecc, per forza ha un costo (che tra l'altro per la collettività è minimo). Se lo facesse direttamente lo stato non sarebbe la stessa cosa?

    >E' UN TRUFFA, perché si dimostra che non essendoci più la riserva, la BC risulta compiere un mero lavoro tipografico sulle banconote

    Anche qui, quale sarebbe l'alternativa? Anche l'oro non sarebbe un vero valore "intrinseco", tanto è vero che basterebbe aggiungere troppo oro e ci sarebbe l'inflazione. Comunque il lavoro non è meramente tipografico, infatti se si stampasse troppa moneta, questa si svaluterebbe, per cui il valore totale della moneta non può rimanere a lungo andare scollegato dalla ricchezza realmente prodotta.

    >Il lavoro che fanno è quello. Creano moneta di cui non sono proprietari e la prestano.

    Stessa domanda. Quale sarebbe l'alternativa? Se la moneta la creasse direttamente lo stato sarebbe la stessa cosa. Anzi sarebbe peggio perché lo stato sarebbe tentato di emettere troppa moneta, creando inflazione.

    >La proprietà dei soldi che sono in circolazione rappresentano un debito nei confronti dell'oligarchia bancaria che li ha creati. Solo nelle apparenze appartengono a te.

    Beh, io comunque con queste apparenze ci mangio al supermercato, ci compro la macchina che poi mi porterà in giro, la casa dove dormirò ecc. :-)

    RispondiElimina
  32. "E quale sarebbe l'alternativa? Far funzionare delle macchine che stampano la moneta, tenerle nei forzieri, metterle in circolazione ecc, per forza ha un costo (che tra l'altro per la collettività è minimo). Se lo facesse direttamente lo stato non sarebbe la stessa cosa?"

    Il cambiamento che porterebbe la stampa di banconote non è solamente la delegazione dei compiti di stampa!
    Perbacco: oggi la BC stampa della carta e ce la fa pagare per il costo nominale + interessi!
    Se si metterebbe fine alla farsa di questo indebitamento non dovuto sarebbe la fine del debito pubblico, rappresenterebbe un alleggerimento del carico fiscale su ogni cittadino.
    Ma sopratutto toglierebbe un potere immane nelle mani di privati, che decidono il costo del denaro in perfetta autonomia da sempre, manipolandone il suo valore per i propri profitti e tornaconti.

    Oggi il mondo è un insieme di paesi indebitati fino al collo con queste istituzioni usuraie. Cambiare la delegazione di quella che è una funzione sovrana, il battere moneta, comporterà la fine di questi debiti non dovuti, e la fine del potere di un elite finanziaria che gestisce queste istituzioni e fa il bello e il cattivo tempo alla faccia della libertà "democrarica".


    "Anche qui, quale sarebbe l'alternativa? Anche l'oro non sarebbe un vero valore "intrinseco", tanto è vero che basterebbe aggiungere troppo oro e ci sarebbe l'inflazione. Comunque il lavoro non è meramente tipografico, infatti se si stampasse troppa moneta, questa si svaluterebbe, per cui il valore totale della moneta non può rimanere a lungo andare scollegato dalla ricchezza realmente prodotta."

    Anche qui dimostri di non aver seguito la faccenda fino in fondo.
    I signoraggisti, me compreso, si oppongono a quella farsa del gold standard. E' stata nella storia una semplice scusa, che ha consentito di delegare a privati di battere moneta, in virtù dell'oro!
    Ma anche l'oro ha valore per convenzione! E inoltre non esiste oro sufficiente far di esso una moneta atta a misurare la quantità di prodotti del mondo. Bisogna lasciarlo stare l'oro.

    La stessa valenza che si dà all'oro, la si può dare convenzionalemente al simbolo cartaceo chiamato "banconota", come avvenuto sotto gli occhi di tutti dopo la fine del gold standard.
    Con l'unica differenza sostanziale che il simbolo monetario, non sarà una falsa cambiale come è la moneta moderna che indebita i popoli, ma sarà essa stessa da considerare di valore "come fosse oro", e dovrebbe essere di proprietà popolare, anziché della banca che la emette. Se il popolo lavora e produce, la moneta non fa che rappresentare questa produzione che è del popolo. Non c'è bisogno di indebitarsi con la banca.
    Per quanto riguarda invece l'inflazione, è facile capire che si tratti di un falso problema. La quantità di moneta deve essere una duplicazione della merce scambiabile in un sistema, vale a dire, si dovrà mantenere costante il rapporto tra la quantità di merce con la quantità di moneta, al fine di manetere i prezzi stabili e garantire un potere di acquisto costante per il cittadino.
    Cosa che il moderno sistema bancario usuraio non fa! Il sistema bancario è l'unica vera causa di inflazione, oltre che di insolvenza e instabilità del sistema economico stesso. Se si vuole cercare una causa del nostro malessere non bisogna cercarla nel panettiere o nell'ortolano.

    "Stessa domanda. Quale sarebbe l'alternativa? Se la moneta la creasse direttamente lo stato sarebbe la stessa cosa. Anzi sarebbe peggio perché lo stato sarebbe tentato di emettere troppa moneta, creando inflazione."

    Non esiste che uno stato stampi moneta a "go-go"! Perché se il fine di una rappresentanza politica è quella di gestire la res publica a vantaggio del cittadino, non vedo perché dovrebbero fare una mossa tanto infelice come questa!
    Anzi essendo una funzione pubblica, sarebbe facilmente controllabile, al contrario di come è modernamente.
    Se hai paura di farti rappresentare da un politico da te eletto (la gente ci credeva nella farsa della democrazia!), come fai a fidarti e metterti nelle mani di privati banchieri usurai che nessuno elegge e nessuno manda a casa?!


    "Beh, io comunque con queste apparenze ci mangio al supermercato, ci compro la macchina che poi mi porterà in giro, la casa dove dormirò ecc. :-)"

    Si verissimo.
    Solo che vivi in uno stato indebitato, che alla fine ti chiederà il conto, sia con tasse dirette che indirette, ma sopratutto con mancati servizi o servizi sempre peggiori.
    Forse alla fine per pagare questi debito dovrai vendere te stesso, perché le proprietà pubbliche da cedere a privati si stanno esaurendo. Hanno privatizzato pure l'acqua. Non so fino a quanto puoi rallegrarti della moneta che consideri di tua proprietà.

    Oggi il carico fiscale si aggira intorno al 70% per il ripagamento del debito pubblico. 70 miliardi, sono i soldi dovuti ogni anno ai soli INTERESSI PASSIVI sul debito.

    RispondiElimina
  33. >oggi la BC stampa della carta e ce la fa pagare per il costo nominale + interessi!

    Scusa ma non è che se ripeti all'infinito la stessa tesi, diventa per ciò stessa vera! Non è vero che noi ci indebitiamo per il costo nominale! Al massimo si indebita chi contrare un prestito per gli interessi. Se non ci fosse il sistema del debito e si regalassero soldi sarebbe peggio.

    >Ma sopratutto toglierebbe un potere immane nelle mani di privati, che decidono il costo del denaro in perfetta autonomia da sempre, manipolandone il suo valore per i propri profitti e tornaconti.

    Ma no, non sono privati, tanto è vero che la banca centrale è un ente di diritto pubblico! E il costo del denaro viene manipolato per mantenere stabile il sistema! Tanto è vero che da quando siamo in Europa, l'inflazione è scesa.

    >Se si metterebbe fine alla farsa di questo indebitamento non dovuto sarebbe la fine del debito pubblico

    Ma non è vero, il debito pubblico è la conseguenza del fatto che lo stato spende troppo, cioè spende più di quanto incassa! E' una sua scelta (nella migliore delle ipotesi), più spesso è il risultato di politiche errate (soldi sprecati, opere incompiute ecc.).

    >Se si vuole cercare una causa del nostro malessere

    Veramente io non ho nessun malessere. :-)

    >Se hai paura di farti rappresentare da un politico da te eletto (la gente ci credeva nella farsa della democrazia!), come fai a fidarti e metterti nelle mani di privati banchieri usurai che nessuno elegge e nessuno manda a casa?!

    Intanto questi banchieri che tu definisci privati sono scelti dai governi. I giudici o i poliziotti mica sono eletti, ma sono pur sempre rappresentanti dello stato. L'autonomia è una cosa diversa dall'essere "privati".
    E poi il compito della banca centrale è proprio quello di tenere a bada l'inflazione, e lo può fare proprio manipolando il tasso di interesse. Invece nel sistema che proponi tu non ci sarebbe freno alla produzione di denaro, dovremmo fidarci ciecamente di una classe politica che ha prodotto un debito pubblico enorme, e che si è dovuta fermare solo quando lo stato ha rischiato la bancarotta. A me pare che la tua sia semplicemente un'utopia.

    >ma sopratutto con mancati servizi o servizi sempre peggiori.

    Nei paesi scandinavi i servizi ci sono, anche in Francia e in Germania stanno molto meglio, questo ti dimostra che il problema non è la moneta.

    >Oggi il carico fiscale si aggira intorno al 70% per il ripagamento del debito pubblico. 70 miliardi, sono i soldi dovuti ogni anno ai soli INTERESSI PASSIVI sul debito.

    Appunto, 70 miliardi non sono il 70% del debito pubblico, dal momento che il debito pubblico è di 1660 miliardi di euro. Il che significa che gli interessi sono solo il 4%. La spesa pubblica è di circa 800 miliardi l'anno, quindi i 70 miliardi sono meno del 10% della spesa pubblica.

    RispondiElimina
  34. "Scusa ma non è che se ripeti all'infinito la stessa tesi, diventa per ciò stessa vera!"
    Lo stesso dicasi per il contrario.
    Io te lo ripeto per l'ultima volta con questo messaggio, poi vai a studiare che ne hai bisogno.

    "Non è vero che noi ci indebitiamo per il costo nominale!"
    CAZZATA.
    Come scritto sotto.

    Al massimo si indebita chi contrare un prestito per gli interessi.
    Diciamolo subito che sei messo male in economia. Se ricevi un prestito di TOT, devi restituire TOT + interessi.
    Chi eroga il prestito ci guadagna solo l'interesse, a meno che non sei una banca che crea il denaro dal nulla, come avviene nel nostro sistema bancario. APRIRE GLI OCCHI NO?


    Se non ci fosse il sistema del debito e si regalassero soldi sarebbe peggio.
    Che luogocomune da terza elementare...
    Abbiamo detto 300 volte che la moneta ha la funzione di rappresentare il controvalore della merce che il popolo produce.
    Si ha prodotto TOT? Bisogna immettere in circolazione la moneta per scambiare TOT. Ma non deve essere un debito con la banca che crea la moneta, perché la proprietà della moneta è del popolo che ha lavorato e ha sudato. Non è difficile da capire: anche un ragazzino sa che se lavora deve essere ripagato, e ripagato non significa INDEBITATO.


    Ma no, non sono privati, tanto è vero che la banca centrale è un ente di diritto pubblico!
    Ah, questa è bella!
    - E' posseduta da S.p.A ptrivate!
    - Non ci sono controllori dato che i vigilati sono i suoi stessi proprietari che si auto-vigilano!
    - E' completamente autonoma dalla politica e non deve rispondere del suo operato a nessun politico!


    "E il costo del denaro viene manipolato per mantenere stabile il sistema! Tanto è vero che da quando siamo in Europa, l'inflazione è scesa."
    Hai ragione.. ma quale inflazione. Si è solo dimezzato il potere di acquisto della gente nel giro di 5 anni... ma che vuoi che sia? Tanto tu sei benstante no?
    Ma come stai messo?!

    "Ma non è vero, il debito pubblico è la conseguenza del fatto che lo stato spende troppo, cioè spende più di quanto incassa!"
    Anche a me alle elementari la maestrina ha detto 'sta cazzata.
    Peccato che la realtà è diversa: il debito pubblico nasce con la mancanza dello Stato della sovranità monetaria, ovvero il potere supremo di battere moneta per una nazione, il quale è svolto in piena autonomia e indipendenza da organismi sovranazionali che poi immettono in circolazione la moneta solo prestandola. Ogni singola moneta nasce dal nulla senza nessuna contropartita solo e unicamente dietro un indebitamento di egual valore (+ interessi che nel sistema non esistono).


    Veramente io non ho nessun malessere. :-)
    Buon per te. Ma nel mondo non ci sei solo tu, sai? Siamo in 7 MILIARDI... Sai mentre tu mandi smile ci almeno un bambino che muore di fame. Magari ogni tanto puoi apri gli occhi che dici?
    Se proprio non vuoi guardare LA MAGGIOR PARTE della popolazione, puoi sempre restingere il campo verso i tuoi vicini italiani, e vedere come li fanno sgobbare per ripagare un debito FASULLO che non può essere ripagato.

    "Intanto questi banchieri che tu definisci privati sono scelti dai governi."
    Si perché esistono banchieri pubblici? Ma a quali banchieri ti riferisci? palri del governatore di Bankitalia? E secondo te da chi è "consigliato" il governatore se non dai suoi stessi proprietari?
    Lo stesso dicasi per le banche commerciali che controllano la BC, perseguono l'interesse collettivo vero? MA PER FAVORE!


    I giudici o i poliziotti mica sono eletti, ma sono pur sempre rappresentanti dello stato.
    A parte che non centra nulla, ma i giudici e poliziotti sono gli esecutori delle regole fatte dal politico che tu hai eletto.
    Le banche che creano moneta e la prestano senza esserne proprietari, non solo non vengono eletti, ma non c'è motivo di eleggerli, visto che sono palesemente in posizione di truffatori. Anche se ci farebbero sciegliere il governatore della BC, per dire, non cambiarebbe nulla lo stesso. E' il sistema di creazione del denaro che deve cambiare.

    "L'autonomia è una cosa diversa dall'essere "privati"."
    Autonomia è un eufemismo. QUI SI TRATTA DI TRUFFA. IL sistema del debito è una truffa per due motivi: perché è matematicamente impossibile ripagare i debiti e perché la proprietà della moneta non può essere prestata dalle banche dato che in realtà non ne sono proprietari.


    Mi fermo qui perché è completamente inutile parlare con te. LE cose te le ripeto ma fai finta di non sentire. Credo sia più istrutivo girarmi i pollici che leggerti, e io ho di meglio da fare che giramri i pollici, quindi figurati...

    Ciao ciao.

    RispondiElimina
  35. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  36. >poi vai a studiare che ne hai bisogno

    Ok andrò a studiare i manuali universitari di economia e i libri di premi Nobel ed economisti importanti come Stiglitz e Krugman.. che purtroppo non fanno menzione del signoraggio...

    >Se ricevi un prestito di TOT, devi restituire TOT + interessi

    Certo, ma nessuno ti ha costretto a chiedere un prestito. Se tu chiedi un prestito vuol dire che hai bisogno di fare una spesa che non ha copertura, quindi non puoi prendertela con chi ti presta i soldi.

    >Abbiamo detto 300 volte che la moneta ha la funzione di rappresentare il controvalore della merce che il popolo produce

    Sì ma non hai detto neanche una volta come farebbe concretamente lo stato a sapere quanta moneta può produrre. Che fa si mette a contare le merci prodotte e assegna loro un valore?
    Quello che tu vorresti che accadesse, già accade, solo che accade con i meccanismi del mercato (variazione dei prezzi, domanda e offerta, tasso di interesse ecc.). Un metodo migliore non è stato ancora inventato.

    >Sai mentre tu mandi smile ci almeno un bambino che muore di fame.

    Anche mentre tu dici sciocchezze sul signoraggio, mentre i veri problemi dell'economia sono altri. Non è che se individui una causa falsa, allora hai risolto i problemi. Anzi. Se fosse come dici tu, come mai nessun premio Nobel, non dico per l'economia, ma per la pace, nessun missionario, nessuno scrittore, nessuna autorità religiosa, attribuisce la fame nel mondo al signoraggio? E com'è che 100 anni fa la ricchezza media era inferiore ad oggi? La maggior parte della popolazione è SEMPRE stata povera.

    >Lo stesso dicasi per le banche commerciali che controllano la BC, perseguono l'interesse collettivo vero? MA PER FAVORE!

    Ti ho già spiegato che l'autonomia serve per evitare che gli stati creino la moneta per coprire il debito pubblico, generando una megainflazione (v.Zimbabwe).
    Una cosa del genere accade all'interno dello stato tra i ministeri: il ministro del Tesoro cerca non concede a tutti i ministeri tutti i soldi che chiedono, altrimenti ne chiederebbero troppi. Se poi vuoi illuderti che lo stato è sicuramente capace di tenere i conti pubblici a posto, fai pure.
    A questo aggiungo che i governatori delle banche centrali vengono nominati dai governi, quindi se per caso uno si comporta male, alla scadenza del suo mandato verrà sostituito. Questo vuol dire che, se è come dici tu, i governi dovrebbero essere collusi coi banchieri. Ma se è così, se i governi democraticamente eletti possono poi non fare gli interessi del popolo, allora questo potrebbe accadere anche qualora i governi stampassero direttamente la moneta.

    >Hai ragione.. ma quale inflazione. Si è solo dimezzato il potere di acquisto della gente nel giro di 5 anni...

    Questo è accaduto in Italia ed è stato dovuto al fatto che i salari sono rimasti bassi, per una serie di ragioni (globalizzazione, bassa produttività, mercato bloccato ecc.). Però in altri paesi si sta molto meglio (hai idea di quanto siano alti i salari in Scandinavia?).
    Io comunque non sono benestante, solo che so ragionare e quindi non scarico il mio malessere su una causa unica, un capro espiatorio fittizio.

    >Le banche che creano moneta e la prestano senza esserne proprietari

    Sì ma dopo la mettono in circolazione, è questo che ti sfugge. Invece tu parli come se le banche centrali dopo aver creato moneta, se ne impossessassero.
    Questo è un sistema che è stato deciso dai governi, mentre tu la metti come se le banche centrali cadessero dal cielo e avessero cominciato a fregare tutti, imponendo questo sistema con la forza.

    >Ogni singola moneta nasce dal nulla senza nessuna contropartita

    Se fosse così, la moneta immessa in circolazione creerebbe inflazione, svalutandosi. In tal modo il debito reale non si accrescerebbe. Tanto è vero che a volte gli stati hanno usato proprio il sistema della svalutazione per ripianare debiti troppo grandi. Se tu sei indebitato per un milione di miliardi, ma con questo milione di miliardi ci si compra un pacchetto di patatine, il tuo debito reale è infimo. Il fatto stesso che tu sostenga che questo debito che ci schiaccia è enorme, dimostra che è reale, quindi non è dovuto a banconote-cartastraccia, ma è equivalente a ore-lavoro, a merci ecc. Tu ti contraddici: prima dici che il debito è fasullo, poi però che è reale. Deciditi.

    Ciao.

    RispondiElimina
  37. Vorrei saperne qualcosa di più sulla riserva frazionaria, visto che anche premi nobel come Friedman avevano proposto riserva frazionaria pari al 100% per evitare crisi come quella attuale..
    Inoltre vorrei sapere se è una bufala la sentenza che gira su internet(1969, First National Bank of Montgomery contro Daly)

    http://www.signoraggio.com/signoraggio_ingannodeldollaro.html

    RispondiElimina
  38. Su Daly: basta fare una ricerca su google, i risultati si trovano, non credo sia una cosa campata in aria

    Sulla riserva frazionaria: al 100% significherebbe che al sistema bancario è negata la possibilità di moltiplicare i depositi. Teoricamente il sistema bancario si comporterebbe come "tutti" pensano che si comporti, ovvero prestando moneta depositata da altri, il chè è una cazzata, perché i soldi loro li creano dal nulla a tutto loro vantaggio e a tutto nostro svantaggio (inflazione).

    Ora non è che ci sia bisogno di un premio nobel per vedere la truffa.
    Pensaci, te riesci a prestare e guadagnare un interesse su ciò che non hai e nemmeno esiste?

    Solo un bankiere ci riesce. Senza contare il potere economico e sociale che si viene a creare lasciando a questi truffatori di continuare indisturbati.

    RispondiElimina
  39. "Teoricamente il sistema bancario si comporterebbe come "tutti" pensano che si comporti, ovvero prestando moneta depositata da altri, il chè è una cazzata, perché i soldi loro li creano dal nulla a tutto loro vantaggio e a tutto nostro svantaggio (inflazione)."

    Veramente non penso che la gente sia a conoscenza che i loro depositi in realtà non esitono perchè la banca gli ha prestati ad altri..

    E’ vero che la Federal reserve è INCOSTITUZIONALE?!?!
    Ecco il video di Ron Paul candidato alla Presidenza nel 2008 e membro del Congresso. Ron Paul (Repubblicano, Texas) ha presentato il H.R. n° 2755 ”Per abolire il Consiglio dei Governatori del Sistema della Federal Reserve e della Banca della Federal Reserve, per abrogare la Legge sulla Federal Reserve e per altri scopi”. Questa legislazione contribuirebbe a ristabilire la costituzione degli Stati Uniti, che stabilisce che soltanto il Congresso può coniare soldi (Art I Sez 8 Comma
    5) e che i debiti degli Stati Uniti siano depositati in argento ed oro (Art I Sez 10 Comma 1

    http://www.youtube.com/watch?v=u_nLoN0b_ZY

    RispondiElimina
  40. "Veramente non penso che la gente sia a conoscenza che i loro depositi in realtà non esitono perchè la banca gli ha prestati ad altri.."

    Forse mi sono espresso male io: dicevo che la maggior parte della gente è convinta che le banche quando prestano lo fanno "con i soldi degli altri", ovvero di chi deposita precedentemente.

    Quello che non sanno, e che di "soldi degli altri" (contanti) ce ne deve essere solo una percentuale irrisoria (10% o 2%). Il RESTANTE è CREATO dal nulla da quelle S.p.A TRUFFATRICI.


    Sulla Federal Reserve la cosa pazzesca è che la truffa sia alla luce del sole.
    La Federal Reserve, non prova nemmeno a confondere la gente con sigle illusorie per ignoranti come "Istituzione di Diritto Pubblico", come da noi in Italia con bankitalia S.p.A.
    Tanto che compare (o compariva) negli elenchi delle società private...

    Il Federal Reserve Act era così contrario alla costituzione, che per farlo passare hanno usato l'astuzia, come far votare il parlamento durante le vacanze natalizie, un secolo fa.

    RispondiElimina
  41. Ma le cose (almeno negli USA) stanno cambiando.
    Ron Paul, che da anni si batte per l'abolizione della Fed (e pure dell'IRS) è stato il candidato più votato su internet!!!
    Adesso capite perchè alle presidenziali del 2008 tutti i media lo hanno censurato?!

    http://www.youtube.com/watch?v=yVDEO6VxyZQ

    http://www.youtube.com/watch?v=lFVHlMulTPs

    RON PAUL REVOLUTION!

    RispondiElimina
  42. Ron Paul è comunque un libertarian. Al massimo ritornano al gold standard...

    La cosa buona è che "voleva" (non ha vinto le elezioni) mandare a casa la FED.

    RispondiElimina
  43. "Ron Paul è comunque un libertarian. Al massimo ritornano al gold standard..."

    Guarda questo video e poi dimmi se avresti voluto Ron Paul al posto di Obama!

    http://www.youtube.com/watch?v=yVDEO6VxyZQ

    RispondiElimina
  44. Paragonare i banchieri ai falsari è riduttivo: i falsari immettono liquidità senza interessi da ripagare, mentre le banche la immettono richiedendo interessi per i quali mancano i simboli monetari equivalenti, sottraendo così ricchezza reale alla comunità al momento degli espropri (EQUITALIA) per ripagare un debito illegale. Paradossalmente, se fossero solo i falsari ad immettere liquidità, non ci sarebbero debiti da ripagare e non ci sarebbe oggi la "trappola della liquidità" di keynesiana memoria...
    Il Sistema siventa solvibile se, e solo se, la liquidità immessa dai falsari è sufficiente a ripagare gli interessi pretesi dalle banche. Questa condizione assurda del nostro sistema monetario apre un interessante capitolo per la psichiatria d'avanguardia...

    RispondiElimina
  45. Vorrei sottoporvi un paio di note che confutano le vostre convinzioni.
    1) la Banca centrale, emettendo moneta, innesca una spirale debitoria che impedisce a chi emette il debito di pagarlo e lo costringe ad indebitarsi sempre di più.
    Ci credete davvero? beh non è così e ve lo dimostro qui
    In questa nota in sostanza faccio vedere come sia possibile che contemporaneamente: il debito totale scenda e la moneta circolante aumenti.

    2)fiaba riguardante l'emissione della moneta, su un banchiere che emette moneta chiedendone gli interessi, ma dato che non emette gli interessi, costringe chi riceve la moneta a contrarre sempre nuovi debiti.
    Ma davvero credete a queste stupidate? Ok vi faccio vedere che non è così dimostrandovelo

    RispondiElimina
  46. ""Vorrei sottoporvi un paio di note che confutano le vostre convinzioni.""

    Considerato che entri nel mio blog semi-morto dandomi del voi (io devo essere "Vostra Eccellenza Illustrissima"), ti ringrazio per la reverenza mostrataMI e ti replicherò per compassione.

    Le tue note sono ciarpame, non intaccano di un millimetro la questione fondante della truffa del signoraggio che non è certo la cosiddetta "spirale del debito" (che cosa ridicola: dato che per avere moneta bisogna sempre indebitarsi, il debito è insito nel sistema, "se non ci fosse debito nel sistema non ci sarebbe moneta" [un gov. della FED]).

    Detto questo complimenti per la grandissima gaffe.
    1) Hai usato il paradosso di Zenone che serve per dimostrare esattamente l'opposto di ciò che vorresti confutare.
    2) L'hai usato MALE, MALISSIMO: hai TRADITO il povero Zenone fermando il tuo esempio ai CENTESIMI quanto esso si basa sulla divisibilità all'infinito.
    E' per questo che il tuo esempio sembra tornare per quanto ridicolo, non per il povero Zenone, ma per via del fatto che non esistono millesimi o milionesimi, o INFINITESIMI di euro da scambiare...
    Quindi: povero Zenone, tirato in ballo ingiustamente, gli hai fatto fare una pessima figura.
    Per Zenone, lo Stato continuerebbe ad indebitarsi all'infinito, non importa quanto piccola sia la cifra, è e sarà sempre divisibile (come lo spazio nel caso di Achille e la tartaruga).
    3) Ma l'ERRORE più GRANDE lo fai già dando per scontato che sia LECITO indebitarsi con un FALSARIO per avere moneta. Quindi il tuo ragionamento è contaminato all'origine.
    La vera funzione della moneta non dovrebbe essere il ripagare il debito (ingiustificato) con i banchieri falsari ma per scambiare i beni e servizi all'interno della comunità.
    Non ho voglia di ripetere le solite cose dette e ridette, basta andare qui: www.signoraggio.com, www.primit.it.

    RispondiElimina
  47. Mah, a dire il vero il paradosso di Zenone è stato ampiamente risolto con il calcolo infinitesimale.
    E tuttavia calza a pennello per fare capire a dei poveri imbecilli quanto sciocco sia pensare che non si possa sanare il debito, considerando che la BCE redistribuisce gli utili.

    2) Dato che per legge non è possibile pagare meno di un centesimo di euro non esistendo la moneta corrispondente, sarebbe assurdo pensare che lo Stato possa avere un debito di un millesimo di euro.

    3)Visto che la BCE distribuisce tutti i profitti, e che lo Stato NON si indebita per ripagare il debito, ma solo perché spende più di quanto incassa (infatti spende 800 miliardi e passa di euro l'anno a fronte di una moneta circolante di 130 miliardi, lascio a te i conti).
    Quei due siti che tu citi sono solo ciarpame fatto da persone che non sono aperte al confronto. Questo te la dice tutta sul valore delle persone che vi scrivono.

    Chiunque, se compra un bene di 100 euro, dovrebbe prima guadagnare 100 euro.
    Quando lo Stato spende 100 euro per erogare dei servizi ai cittadini, dovrebbe chiedere agli stessi, 100 euro di tasse.
    Se non lo fa, e ne chiede 80, deve chiederne 20 in prestito. Non certo alla BCE. A tutti. Al mercato, e se glieli danno si può ritenere fortunato il meschino.
    Ma sarebbe meglio che non glieli dessero e imparasse a spendere quanto incassa e non di più.
    Il debito pubblico ammonta a 1800 miliardi di euro. Il PIL a 1750 circa. Ti sembra tanto?
    Ti sembra impagabile?
    E come fanno le persone con mutui da 200 mila euro e stipendi da 1500 euro ad estinguere il debito? in proporzione sono molto più indebitate.
    Sai come fanno? lavorano e non perdono tempo a pensare se sarebbe giusto stampare dei soldi gratis, RUBANDO.

    RispondiElimina
  48. Adesso ti rispondo per Pietas.

    ""Sai come fanno? lavorano e non perdono tempo a pensare se sarebbe giusto stampare dei soldi gratis, RUBANDO.""

    La tua ingenuità è allarmante.

    Mi chiedo come si possa pensare che stampare moneta significhi RUBARE e, nello stesso momento, DIFENDERE (a furia di leccate e arrampicate sugli specchi) dei FALSARI che stampano moneta AGGRATIS e... fanno con questa moneta (la quale non gli appartiene) una delle cose più spregevoli che possano fare: gli USURAI.

    Il Ladro è un mestiere molto più nobile rispetto a quello di banchiere. Quest'ultimo, infatti, senza FARE NULLA, guadagna sugli interessi di tutta la moneta che crea dal nulla (è un parassita che basa il suo potere sulla ingenuità della gente, proprio come la tua). E se ne esce pure pulito, rispetto al ladro: il banchiere ha infatti tutta la stima delle persone che indebita (come la tua).

    OK, mi fermo qui. Il discorso si farebbe troppo difficile, hai bisogno di tempo. Passa fra qualche annetto, vedrai che pure tu sarai pronto a capire la funzione della moneta e come sia stupido e autolesionistico emetterla unicamentde dietro corrispetivo di debito.

    Comunque continua a studiare filosofia, e sopratutto filosofia del valore (non ti fermare a Zenone). Vedrai che alla fine capirai da te.

    RispondiElimina
  49. "Quest'ultimo, infatti, senza FARE NULLA, guadagna sugli interessi di tutta la moneta che crea dal nulla"
    Se ti riferisci alla BCE, sappi che il loro utile è redistribuito interamente agli Stati tramite le loro BCN.

    Ti riferisci alle banche commerciali? sappi che prestano soldi propri (vedi art.1834 del codice civile)
    e se creassero moneta dal nulla, com'è che falliscono se c'è una corsa agli sportelli? Allora tanto "dal nulla" non deve essere no?

    RispondiElimina
  50. ""Ti riferisci alle banche commerciali? sappi che prestano soldi propri (vedi art.1834 del codice civile)
    e se creassero moneta dal nulla, com'è che falliscono se c'è una corsa agli sportelli? Allora tanto "dal nulla" non deve essere no?""


    Nel codice civile non c'è scritto che sono proprietari della moneta che creano dal nulla. Per ovvi motivi.
    Inoltre la moneta depositata in banca da qualcuno può essere considerata di prorpietà della banca (per l'articolo).
    Piccoli particolari tralasciati ai gonzi:
    1) non prestano quei soldi, i quali infatti risultano disponibili per chi ha aperto il conto corrente.
    2) oggi non c'è differenza fra depositi e prestiti, i due vengono confusi volutamente, in modo da poter moltiplicare la moneta come faceva Gesù coi pani e coi pesci.
    Quello che manca e che tu FAI FINTA (lo spero) di non sapere, è un fatto elementare: la banca commerciale può moltiplicare i depositi (che vengono volutamente confusi con prestiti già concessi) ma non può moltiplicare la moneta liquida, i contanti, perché può giocare solo con i registri e creare così SOLO moneta scritturale. Basta vedere quanto sia grande la moneta scritturale rispetto alla base monetaria (contanti), per capire le cosiddette "corse agli sportelli".


    E vedo che sei ancora alla fase "e se creassero moneta dal nulla".
    Se almeno tu avessi letto Allais più sopra sapresti che:
    "Fondamentalmente la creazione di denaro dal nulla (ex nihilo) effettuata dal sistema bancario è identica, non esito mai a dirlo per fare ben comprendere con cosa si ha a che fare, alla creazione di denaro da parte dei falsari, per questo motivo giustamente condannati dalla legge. Nel concreto essa provoca gli stessi risultati. La differenza è chi ne trae il profitto." [M. Allais]

    NON FARE ANCORA LO GNORRI: esci di qui e smettila di farmi perdere tempo, grazie.

    RispondiElimina
  51. "1) non prestano quei soldi, i quali infatti risultano disponibili per chi ha aperto il conto corrente."
    No, non tutti, solo quelli non prestati.
    Altrimenti come ti spieghi che se tutti vanno agli sportelli a ritirare i propri soldi, la banca non ce li ha e fallisce?

    "2) oggi non c'è differenza fra depositi e prestiti, i due vengono confusi volutamente"
    Per la banca i depositi sono debiti, i prestiti sono crediti. Non sono affatto la stessa cosa.

    "la banca commerciale può moltiplicare i depositi "
    Sbagliato. E il sistema bancario, non la singola banca, a moltiplicare qualcosa. Moltiplica i depositi, ma i depositi per le banche sono debiti, non dimenticarlo..

    Su quella frase Allais è stato male interpretato, appena possibile pubblicherò una nota sull'argomento

    RispondiElimina
  52. ""No, non tutti, solo quelli non prestati.Altrimenti come ti spieghi che se tutti vanno agli sportelli a ritirare i propri soldi, la banca non ce li ha e fallisce?""

    Bravo continua a negare l'evidenza. Ma la mia pazienza è finita.


    ""Sbagliato. E il sistema bancario, non la singola banca, a moltiplicare qualcosa. Moltiplica i depositi, ma i depositi per le banche sono debiti, non dimenticarlo..""

    E io ho detto che è la singola banca? Che fai per contraddirmi mi metti in bocca parole tue? PUERILE!!
    Che poi è come dire: "no, non stuprano singolarmente, lo fanno in gruppo!!"
    Capirai la differenza! Per i gonzi deve essere una grossissima differenza, già.
    Vai a studiare, e ritorna fra qualche annetto. Dopo che avrai superato lo sviluppo.



    ""Su quella frase Allais è stato male interpretato, appena possibile pubblicherò una nota sull'argomento.""

    Sì, sì. Continua ad arrampicarti sugli specchi, pur di non guardare in faccia la verità. Per contraddire Allais devi cambiare il significato delle parole italiane.

    Comincio a vergognarmi pure io delle tue gaffe...

    A Natale ti regalerò una scala.
    Così poitremo guardacri negli occhi senza che io debba inclinare la testa verso il basso di 50 gradi.


    Addio.

    RispondiElimina
  53. Quello che manca e che tu FAI FINTA (lo spero) di non sapere, è un fatto elementare: la banca commerciale può moltiplicare i depositi (che vengono volutamente confusi con prestiti già concessi)
    "La banca commerciale" = singolare .
    E' diverso da "sistema bancario".
    Da tipico signoraggista, ti contraddici ad ogni due post, insulti, cerchi di denigrare l'interlocutore.. insomma sei un po' sciacquino come oratore.
    Bye bye pivello

    RispondiElimina
  54. ""Bye bye pivello""

    1) L'intero sistema bancario può essere pensato come una grande banca.
    2)Non è una contraddizione, ma una "generalizzazione".
    Tutto in piena coerenza con quanto detto.
    Comunque hai ragione. Forse sono ancora un pivello in fatto di gaffe. Non riuscrirò mai a eguagliarti.
    Penso come debba senti tu che hai dovuto ammettere che "Zenone è stato ampiamente risolto con il calcolo infinitesimale" quando in precedenza affermavi di aver dimostrato qualcosa usando proprio il suo paradosso.

    Rallegrati dello spazio concesso (e del mio tempo) e vai in pace.

    RispondiElimina
  55. Bravo hires risposto adeguatamente ad hires alias galeazzo laureato in scienze dell'informazione con 110 e lode!!! come dichiara lui...

    Ma scienza dell'informazione non era giornalismo una volta?

    RispondiElimina
  56. Il problema è solo uno: la finanza dovrebbe divenire pubblica e non privata. La sovranità monetaria deve appartenere allo Stato.

    RispondiElimina